mercoledì 20 agosto 2008

Ci siamo...



... ora posso dirlo.

E' quasi un annetto che collaboro con la Sergio Bonelli Editore.

Grazie alla supervisione (e alla pazienza) di Antonio Serra sono entrato a far parte dello staff di sceneggiatori Nathaneveriani...

Al momento sto utlimando la mia terza storia.
La prima, se tutto andrà come previsto, uscirà in edicola entro la fine del 2008.
Per quanto riguarda i disegni sono in una botte di ferro: l'albo, infatti, sarà opera dell'immenso Roberto De Angelis (che ancora non ho avuto modo di ringraziare per le bellissime tavole realizzate fin'ora, e ne approfitto per farlo qui...).

Entrare a far parte di una scuderia tanto prestigiosa mi riempie di orgoglio.
Alla faccia di chi dice che le porte di via Buonarroti sono chiuse agli esordienti...

Per quanto riguarda la mia esperienza personale, posso solo dire che la disponibilità dimostratami è stata davvero notevole.
Con questo non voglio certo sminuire l'indispensabile gavetta che mi ha portato a scrivere le avventure dell'Agente Speciale Alfa. E' stata una parte importante della mia crescita professionale e, senza di essa, starei probabilmente piangendo in qualche angolo incolpando "il mondo crudele e magna-magna che non capisce la mia arte" (thanx, Diego!).

La verità è che per raggiungere gli obiettivi sono necessarie tre cose:
1) Impegno, cocciutaggine e passione.
2) Capacità.
3) Trovarsi nel posto giusto al momento giusto (che poi è una logica conseguenza dei punti 1 e 2).

Senza queste tre componenti si rimane nel limbo del "vorrei ma non posso", dei "sogni infranti"...

Ok, basta sbrodolarsi addosso (Mr. Wolf avrebbe detto "farsi i pompini a vicenda" ma non mi sembrava adatto per il tono di questo post...).

La strada è lunga e io non ho percorso che una parte irrisoria del tracciato.
Sotto! A tutta forza!

Stay tuned...

10 commenti:

coredo ha detto...

sono onorato di conoscerti, Maestro...Ma mi sento come se l'avessi sempre saputo.

coredo ha detto...

Sono ancora io...verso settembre mi organizzerò una personale nel mio ristorante e sarei onorato di godere della tua presenza.

Se sei interessato e possibilitato porta pure chi vuoi..

Dave R. ha detto...

Ciao Coredo!

Ci sentiamo prossimamente sui rispettivi blog e organizziamo!

A presto!

alex crippa ha detto...

finalmente sei uscito allo scoperto!
finalmente storie di Nathan ad altissimo tasso di violenza e sanguinaccio!

evvai!!!

Stefania ha detto...

1) Impegno, cocciutaggine e passione.
2) Capacità.
3) Trovarsi nel posto giusto al momento giusto (che poi è una logica conseguenza dei punti 1 e 2)

E lascia che aggiunga anche l'umiltà e la giusta dose di autocritica che ci consentono di far sempre meglio e di crescere professionalmente!

Congratulazioni fratello!

E sono certa che questo sia solo l'inizio di un percorso che ti porterà certo molto lontano!

You Rock!!!!!!

Dave R. ha detto...

Alex: Sanguinaccio e birra per tutti, garantito...

Stefania: Grassie, grassie! Per quanto riguarda l'umiltà e l'autocritica hai ragione, sono importantissime... come cazzo ti permetti di farmelo notare?!?

:-)

Stefania ha detto...

muahahahahahahah!!!

perchè siamo sulla stessa barca, my dear... una barca con remi consumati ma con rematori di gran classe!!! ;)

Perissi ha detto...

Nathan Never non mi piace, anche se confesso di non leggerlo da molto, molto tempo.
Ma per te farò uno strappo alla regola, come feci a suo tempo per i disegni di Catacchio.
In bocca al lupo mannaro e in culo alla balena stitica!!!

Mattia ha detto...

Davvero complimenti Davide! Non vedo l'ora di leggere il tuo primo Nathan Never!

Mattia Nelli

Dave R. ha detto...

Grazie, Mattia!

A presto per nuovi aggiornamenti "sul caso"...