lunedì 21 settembre 2009

Visioni cumulative! Giuntina...


Ah, dimenticavo...
Con colpevolissimo (ma issimo, issimo!!!) ritardo ho visto anche Martyrs.

Molto ma mooolto bello!
Peccato che non sia un torture porn (non a tutti gli effetti, almeno...).
Se i vari Guinea Pig basavano la loro forza sul mero impatto visivo e Hostel si limitava ad accodarsi a un'estetica della morte più grandguignolesca che disturbante, Martyrs attinge ai canoni del genere forte di un'idea che lo pone immediatamente - o meglio, dopo la prima visione - sotto i riflettori di un'altra categoria.
Una categoria più ampia del torture porn.

Credo che l'opera di Laugier rientri a pieno merito nel panorama del cinema estremo, rifuggendone le etichette precise (il ventaglio di sottogeneri presi in esame è decisamente troppo vasto per sacrificarne alcuni a favore di altri).
Così come accadeva per il compianto Alberto Cavallone, d'altronde: dove potrebbero essere collocate pellicole come Blue Movie o Spell?

Al di là delle catalogazioni, comunque, Martyrs è un film solido nella sua intransigenza.
I colpi di scena, seppur telefonati sul QUANDO, sono decisamente spiazzanti sul COSA. Ed è proprio lì la sua forza...
La follia che accompagna Anna e Lucie nella prima parte dell'incubo che le vede protagoniste, viene brutalmente interrotta da una realtà ancor più allucinante a cui non possono sottrarsi.
Né loro, né noi.

Piccola nota a margine.
Come per tutti i nasty movie che si rispettino, anche di Martyrs si paventano edizioni uncut (97 minuti contro i nostri 85) sperdute in chissà quale dungeon.
Leggende metropolitane? Forse...

1 commento:

alex crippa ha detto...

non avevo dubbi.

PS versione uncut? eccazzo mi tocca recuperarla, leggenda metropolitana o no...